Con l’introduzione di Graph Search, il rinnovato motore di ricerca introdotto due anni fa da Mark Zuckerberg e colleghi, era stata eliminata da Facebook la funzione che permetteva di effettuare una ricerca sui testi dei post degli utenti e degli amici. Questo aveva causato non poche perplessità e proteste da parte degli utenti stessi che ritenevano molto utile quest’opzione.

Qualche giorno fa il famoso social network ha annunciato che attraverso il nuovo aggiornamento questa funzionalità verrà reintrodotta. Il servizio sarà ripristinato a partire dagli utenti di lingua inglese e su iPhone e sarà poi esteso gradualmente su altre versioni app del sistema operativo e (probabilmente) anche nella versione Desk browser.

Il colosso di Zuckerberg in una nota ufficiale ha specificato che attraverso una modifica apportata a Graph Search verrà data agli utenti la possibilità di effettuare tramite una keyword ricerche all’interno dei contenuti dei propri post o di quelli degli amici. Una rapida ricerca, dunque, e si potrà quindi tornare ad un divertente video di laurea, ad un articolo che si vorrebbe rileggere, alle foto del matrimonio di un amico avvenuto tempo prima. Di fronte a queste dichiarazioni i fan di Facebook hanno espresso notevole entusiasmo.

Quella appena descritta rappresenta una novità estremamente importante nell’esperienza d’uso del social network. Finora, infatti, si è stati costretti a sfogliare l’ordine cronologico delle bacheche dell’utente interessato per cercare un contenuto specifico, con l’introduzione della funzione di ricerca sui testi dei post sarà invece possibile rintracciarlo in maniera semplice, come se si stesse utilizzando un vero e proprio motore di ricerca.

Le nuove opzioni di cui si è parlato sono già attive per alcuni utenti americani, ma è solo questione di tempo prima che siano disponibili per gli utenti dei restanti paesi del mondo. Guardando al futuro, l’introduzione di una funzionalità simile, che potrebbe permettere a Facebook di catturare grossa parte delle ricerche online, con eventuali aggiornamenti futuri, apre scenari molto importanti e non stupisce affatto.